PUBBLICO IMPIEGO - SCUOLA, CONCORSI PUBBLICI E IL PRINCIPIO DELL'ANONIMATO

PUBBLICO IMPIEGO – SCUOLA, CONCORSI PUBBLICI E IL PRINCIPIO DELL’ANONIMATO

I magistrati amministrativi forniscono indicazioni sulle eccezioni al principio dell’anonimato nei concorsi pubblici, relativamente alla controversia in cui la parte ricorrente, esclusa da una procedura di concorso, ha contestato la violazione del principio di anonimato, in quanto durante la prova pratica, la commissione aveva chiesto ai candidati di firmare il loro lavoro e l’invio del lavoro stesso.

Pur mantenendo la regola dettata dall’articolo 14, del DPR 9 maggio 1994, n. 487 di conoscere cioè il candidato solo dopo la correzione della prova scritta, i giudici amministrativi sostengono con la sentenza in esame che a questa regola di base possono esserci delle eccezioni. Infatti, nel caso di specie si trattava di una prova pratica e non scritta, che poteva non richiedere l’anonimato, poiché coinvolgeva una presentazione personale.

Pertanto, anche se è stata sollevata la questione del mancato rispetto dell’anonimato e della mancanza di prove di un trattamento ingiusto o di una valutazione errata, queste argomentazioni sono state respinte sempre che i criteri di valutazione siano stati stabiliti prima dell’inizio delle valutazioni per garantire la trasparenza e l’imparzialità del processo.

Tar-Lazio-12565_2023.pdf

Marzo 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024
4 Marzo 2024
5 Marzo 2024
6 Marzo 2024
7 Marzo 2024
8 Marzo 2024
9 Marzo 2024
10 Marzo 2024
11 Marzo 2024
12 Marzo 2024
13 Marzo 2024
14 Marzo 2024
15 Marzo 2024
16 Marzo 2024
17 Marzo 2024
18 Marzo 2024
19 Marzo 2024
20 Marzo 2024
21 Marzo 2024
22 Marzo 2024
23 Marzo 2024
24 Marzo 2024
25 Marzo 2024
26 Marzo 2024
27 Marzo 2024
28 Marzo 2024
29 Marzo 2024
30 Marzo 2024
31 Marzo 2024