VIA LIBERA DEL SENATO AL DDL DI RIFORMA DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

LEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE CHE OFFENDE L'AZIENDA SU FACEBOOK

È legittimo il licenziamento del dipendente che ha insultato più volte i propri responsabili su Facebook. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 27939 del 13 ottobre 2021, respingendo il ricorso di un account manager di Tim.
Confermata dunque la decisione della Corte di Appello di Roma che, nel novembre 2018, ribadendo il contenuto gravemente offensivo e sprezzante (nei confronti dei superiori e degli stessi vertici aziendali) delle dichiarazioni, espresse a mezzo di tre e-mails e di un messaggio pubblicato, nell’ottobre del 2016, su Facebook, respingeva il ricorso presentato dal lavoratore avverso il suo licenziamento “per giusta causa”.
A detta della Corte, infatti, tali dichiarazioni integrerebbero insubordinazione grave e,
in ogni caso, giusta causa di licenziamento in ragione del loro carattere plurioffensivo e dell’idoneità delle stesse a precludere “la perseguibilità del rapporto, per l’elisione del legame di fiducia tra le parti, anche considerato il ruolo aziendale del predetto addetto”.
Contro la decisione del giudice di secondo grado il lavoratore presentava ricorso, deducendo l’illegittimità dell’acquisizione da parte della società datrice dei posts presenti sulla sua pagina Facebook in quanto destinati ad una comunicazione riservata (esclusiva con i propri amici) e, dunque, incompatibile con la denigrazione o la diffamazione.
La Suprema Corte ha però, al riguardo, specificato come “premessa l’esigenza di tutela della libertà e segretezza dei messaggi scambiati in una chat privata, in quanto diretti unicamente agli iscritti ad un determinato gruppo e non ad una moltitudine indistinta di persone, pertanto da considerare come la corrispondenza provata, chiusa ed inviolabile […] nella fattispecie non sussiste una tale esigenza di protezione (e della conseguente illegittimità dell’utilizzazione in funzione probatoria) di un commento offensivo nei confronti della società datrice di lavoro diffuso su Facebook”.
Per tali ragioni, il mezzo utilizzato, ossia la pubblicazione del messaggio “incriminato” sul profilo Facebook del lavoratore, può essere considerato “idoneo a determinare la circolazione del messaggio tra un gruppo indeterminato di persone” rendendo dunque valido il licenziamento in parola.

Corte di Cassazione – sezione Lavoro – sentenza n. 27939 del 13 ottobre 2021

Marzo 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024
4 Marzo 2024
5 Marzo 2024
6 Marzo 2024
7 Marzo 2024
8 Marzo 2024
9 Marzo 2024
10 Marzo 2024
11 Marzo 2024
12 Marzo 2024
13 Marzo 2024
14 Marzo 2024
15 Marzo 2024
16 Marzo 2024
17 Marzo 2024
18 Marzo 2024
19 Marzo 2024
20 Marzo 2024
21 Marzo 2024
22 Marzo 2024
23 Marzo 2024
24 Marzo 2024
25 Marzo 2024
26 Marzo 2024
27 Marzo 2024
28 Marzo 2024
29 Marzo 2024
30 Marzo 2024
31 Marzo 2024