APPALTI - COSTI DELLA MANODOPERA “AL RIALZO”, AMMISSIBILE ?

L’ASSEGNAZIONE IN DIRITTO DI PROPRIETÀ DEI SUOLI PER EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEVE ESSERE EFFETTUATA CON PROCEDURA CONCORSUALE COMPARATIVA

Il Collegio osserva, in aggiunta a quanto già correttamente motivato dal T.a.r., che, l’assegnazione in diritto di proprietà dei suoli per E.R.P., ai sensi della legge n. 865 del 1971, articolo 35, a cooperative edilizie non può aver luogo mediante un’assegnazione diretta degli stessi bensì, in ossequio ai principi di trasparenza ed imparzialità dell’azione amministrativa (art. 97 Cost.), nonché nel rispetto di principi e regole procedurali di natura pubblicistica nella scelta del contraente (soddisfacimento del pubblico interesse e convenienza economica del negozio), al fine di garantire il massimo coinvolgimento degli operatori economici, in applicazione del principio di derivazione comunitaria di non discriminazione, l’assegnazione dei lotti deve avvenire previo esperimento di procedura concorsuale comparativa, della quale l’amministrazione deve dare massima pubblicità, nelle forme e nei tempi di legge.

È ben possibile, e legittimo invero, che, nell’indire il bando, l’amministrazione assegni alle cooperative edilizie di abitazione e ai loro consorzi priorità rispetto alle imprese di costruzione del settore edile (id est, criterio preferenziale – su cui fa leva l’appellante per inferire la legittimità dell’assegnazione diretta in proprio favore), ma si tratta, appunto, di un criterio preferenziale (di matrice legale), che opera pur sempre nell’ambito di una procedura che deve essere improntata ai principi della trasparenza, pubblicità, concorrenzialità e non discriminazione, e che non può essere, pertanto, interpretato (come propone invece l’appellante) nel senso di consentire una possibile assegnazione diretta e personalizzata.

Il Comune avrebbe dovuto, in ossequio alla normativa e ai principi comunitari validi anche in tema di concessione di beni pubblici, e recepiti anche nella normativa nazionale, assicurare lo svolgimento di una procedura comparativa volta a verificare l’eventuale esistenza di altri soggetti interessati all’intervento, al fine di soddisfare maggiormente l’interesse pubblico, cosa che nel caso di specie non risulta essere avvenuta nonostante l’ampiezza dei terreni e dunque il possibile instaurarsi di interessi di natura meramente speculativa.

Cons. Stato, sez. V, 12.4.2024 n. 3373

Giugno 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024