TRIBUTI LOCALI - CON LA DELEGA RISCHIO EXTRACOSTI PER GLI ATTI ANNULLABIILI

IMPIEGO PUBBLICO – DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO – RETRIBUZIONE DI ANZIANITÀ

La Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 51, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, intervenuto, in via retroattiva, per escludere l’operatività di maggiorazioni alla retribuzione individuale di anzianità dei dipendenti pubblici in relazione al triennio 1991-1993, a fronte di un orientamento giurisprudenziale che stava invece riconoscendo a tali dipendenti il diritto ad ottenere il menzionato beneficio economico dalle amministrazioni di appartenenza.

La sentenza ha innanzitutto chiarito che il controllo di costituzionalità delle leggi retroattive diviene “ancor più stringente” qualora l’intervento legislativo “incida su giudizi ancora in corso, specialmente nel caso in cui sia coinvolta nel processo un’amministrazione pubblica”, essendo precluso al legislatore “di risolvere, con legge, specifiche controversie e di determinare, per questa via, uno sbilanciamento tra le posizioni delle parti coinvolte nel giudizio”.

Al fine di verificare se l’intervento legislativo retroattivo sia effettivamente preordinato a condizionare l’esito di giudizi pendenti, la Corte costituzionale è chiamata a svolgere – in piena sintonia con la giurisprudenza della Corte EDU – uno scrutinio che assicuri una “particolare estensione e intensità del controllo sul corretto uso del potere legislativo”, tenendo conto delle concrete tempistiche e modalità dell’intervento del legislatore. Inoltre, nelle motivazioni si è chiarito che “solo imperative ragioni di interesse generale possono consentire un’interferenza del legislatore su giudizi in corso” e che “i principi dello stato di diritto e del giusto processo impongono che tali ragioni siano trattate con il massimo grado di circospezione possibile”.

Nel caso in esame non sussistevano imperative ragioni di interesse generale a giustificazione della legge. Di qui la sua illegittimità costituzionale per violazione – tra l’altro – dei principi della certezza del diritto e dell’equo processo, di cui agli artt. 3, 111, primo e secondo comma, e 117, primo comma, della Costituzione, quest’ultimo in relazione all’art. 6 CEDU. La sentenza ribadisce e rafforza la costruzione di una “solida sinergia fra principi costituzionali interni e principi contenuti nella CEDU” e fra la Corte costituzionale e la Corte di Strasburgo, nell’ottica di un rapporto di “integrazione reciproca”.

corte-cost-sent-data-ud-06-12-2023-11-01-2024-n-4

Febbraio 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
29 Gennaio 2024
30 Gennaio 2024
31 Gennaio 2024
1 Febbraio 2024
2 Febbraio 2024
3 Febbraio 2024
4 Febbraio 2024
5 Febbraio 2024
6 Febbraio 2024
7 Febbraio 2024
8 Febbraio 2024
9 Febbraio 2024
10 Febbraio 2024
11 Febbraio 2024
12 Febbraio 2024
13 Febbraio 2024
14 Febbraio 2024
15 Febbraio 2024
16 Febbraio 2024
17 Febbraio 2024
18 Febbraio 2024
19 Febbraio 2024
20 Febbraio 2024
21 Febbraio 2024
22 Febbraio 2024
23 Febbraio 2024
24 Febbraio 2024
25 Febbraio 2024
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024