IL RUP È IL “PADRONE” DELLA GARA

IL RUP È IL “PADRONE” DELLA GARA

Il Responsabile unico del procedimento è il “padrone” della gara, anche se non ha poteri a valenza esterna.

Il Tar Lazio, infatti, accoglie il ricorso in quanto gli atti, non essendo stati sottoscritti dal RUP, sarebbero viziati da incompetenza.

Il Tar conferma quella parte di giurisprudenza (in vigenza del D. Lgs 50/2016) che ha evidenziato come le competenze del Responsabile del Procedimento siano da considerarsi esclusive

Ma altra giurisprudenza, invece, ha evidenziato come il Responsabile del procedimento privo di qualifica dirigenziale non possa adottare atti “che impegnano l’amministrazione verso l’esterno” (vedasi Cons. Stato, Sez. V, 15 febbraio 2022, n. 1079, Cons. Stato, Sez. V, 10/05/2022, n. 3638).

È una sentenza significativa, anche in chiave futura, perché l’allegato I.2 al Nuovo Codice non sembra esaustivo. Infatti, l’articolo 7 da una parte prevede che il RUP disponga le esclusioni dalle gare, dall’altra che adotti il provvedimento finale della procedura quando, in base all’ordinamento della stazione appaltante, abbia il potere di manifestare all’esterno la volontà della stessa.

Tar Lazio, Roma, Sez. III, 12/01/2024, n. 655

Marzo 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024
4 Marzo 2024
5 Marzo 2024
6 Marzo 2024
7 Marzo 2024
8 Marzo 2024
9 Marzo 2024
10 Marzo 2024
11 Marzo 2024
12 Marzo 2024
13 Marzo 2024
14 Marzo 2024
15 Marzo 2024
16 Marzo 2024
17 Marzo 2024
18 Marzo 2024
19 Marzo 2024
20 Marzo 2024
21 Marzo 2024
22 Marzo 2024
23 Marzo 2024
24 Marzo 2024
25 Marzo 2024
26 Marzo 2024
27 Marzo 2024
28 Marzo 2024
29 Marzo 2024
30 Marzo 2024
31 Marzo 2024