AGGIORNAMENTO E REVISIONE DEI FABBISOGNI STANDARD DEI COMUNI PER IL 2023

I RITARDI SULL’AGGIUDICAZIONE ESPONGONO I RUP AL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ PER COLPA GRAVE

Per quanto concerne gli aspetti della responsabilità, escludendo l’ipotesi dell’annullamento della gara che non venisse portata a conclusione nei termini (l’aspetto non viene neppure preso in considerazione nel parere stante la sua ovvietà), il Mit precisa l’essenza del “silenzio inadempimento”.

Il silenzio in parola determinerebbe «la possibilità per il privato di promuovere un’azione ai sensi degli artt. 31 e 117 c.p.a. chiedendo al giudice l’accertamento dell’obbligo dell’amministrazione di provvedere». Il mancato rispetto dei termini implica anche il mancato rispetto del dovere di buona fede quale regola «di esercizio del potere pubblicistico ai sensi degli artt. 2, 5 e 209 del nuovo Codice (quest’ultimo modificativo dell’art. 124 c.p.a.) stante la sussistenza, nell’ambito del procedimento di gara, anche prima dell’aggiudicazione, di un affidamento dell’operatore economico».

Affidamento sul legittimo «esercizio del potere e sulla conformità del comportamento amministrativo al principio» in parola.

Pertanto, la violazione/inosservanza dei termini, che a questo punto devono essere preventivamente dichiarati dal Rup fin dalla decisione a contrarre (come in realtà già accade in attuazione di quanto previsto dal DL 76/2020), può (potrebbe) «dar luogo alla responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione». Esponendo il funzionario a colpa grave per “la grave violazione di norme di diritto”. Effettivamente, la considerazione ultima – sulla colpa grave -, potrebbe riguardare il soggetto (es. il Rup) che viola per inerzia i termini della procedura.

Si tratta di aspetti, in ogni caso, su cui occorrerà attendere anche le determinazioni giurisprudenziali. Primi interventi ufficiali occorrerà anche attendere sui “limiti” di utilizzo di procedure maggiormente articolate invece delle procedure semplificate del sottosoglia apprestate dal legislatore (al netto del caso di interesse transfrontaliero o del caso di lavori di importo pari o superiori al milione di euro fino al sottosoglia).

 Parere n. 2090/2023

Febbraio 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
29 Gennaio 2024
30 Gennaio 2024
31 Gennaio 2024
1 Febbraio 2024
2 Febbraio 2024
3 Febbraio 2024
4 Febbraio 2024
5 Febbraio 2024
6 Febbraio 2024
7 Febbraio 2024
8 Febbraio 2024
9 Febbraio 2024
10 Febbraio 2024
11 Febbraio 2024
12 Febbraio 2024
13 Febbraio 2024
14 Febbraio 2024
15 Febbraio 2024
16 Febbraio 2024
17 Febbraio 2024
18 Febbraio 2024
19 Febbraio 2024
20 Febbraio 2024
21 Febbraio 2024
22 Febbraio 2024
23 Febbraio 2024
24 Febbraio 2024
25 Febbraio 2024
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024