FONDO SICUREZZA URBANA - CRITERI PER ASSEGNAZIONE RISORSE

FONDO SICUREZZA URBANA – CRITERI PER ASSEGNAZIONE RISORSE

Il Ministro dell’Interno di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha approvato i criteri per l’assegnazione delle risorse del Fondo Sicurezza Urbana nel triennio 2024/2026.

Il Decreto 29 dicembre 2023 stabilisce che per il triennio 2024-2026 la dotazione finanziaria del Fondo per la sicurezza urbana pari a 25 milioni di euro annui è così ripartita per ciascuno degli anni 2024, 2025 e 2026:

  • 60% ai Comuni capoluogo delle città metropolitane;
  • 16% ai Comuni con popolazione pari o superiore a centomila abitanti;
  • il 12% agli stessi Comuni capoluogo delle città metropolitane che si trovano nelle condizioni previste dagli articoli 243-bis e 244 del TUEL;
  • 6% ai Comuni litoranei individuati in base alle presenze negli esercizi ricettivi;
  • 6% ai Comuni con popolazione residente superiore ai 15.000 abitanti per il finanziamento di iniziative di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici.

Il decreto elenca le iniziative alle quali vanno destinate le suddette risorse, tra cui:

  • assunzione in deroga di personale della Polizia locale a tempo determinato,
  • acquisto e installazione di apparati tecnologici e di sistemi per il potenziamento delle sale operative della Polizia locale nonché installazione di sistemi di videosorveglianza,
  • messa in sicurezza aree degradate e sgomberi di immobili occupati.

Il Comune interessato può presentare subito domanda per l’accesso alle risorse del Fondo. Il termine per la presentazione della domanda è così fissato:

  • al 30 aprile 2024, per le risorse del “Fondo” riferite all’anno 2024;
  • al 30 aprile 2025, per le risorse del “Fondo” riferite all’anno 2025;
  • al 30 aprile 2026, per le risorse del “Fondo” riferite all’anno 2026.

La domanda va presentata alla Prefettura-Ufficio territoriale del Governo o al Commissariato del Governo della provincia interessata, per il tramite dei quali il Ministero dell’interno può disporre controlli presso il Comune beneficiario al fine di verificare la legittimità della spesa.

Aprile 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
1 Aprile 2024
2 Aprile 2024
3 Aprile 2024
4 Aprile 2024
5 Aprile 2024
6 Aprile 2024
7 Aprile 2024
8 Aprile 2024
9 Aprile 2024
10 Aprile 2024
11 Aprile 2024
12 Aprile 2024
13 Aprile 2024
14 Aprile 2024
15 Aprile 2024
16 Aprile 2024
17 Aprile 2024
18 Aprile 2024
19 Aprile 2024
20 Aprile 2024
21 Aprile 2024
22 Aprile 2024
23 Aprile 2024
24 Aprile 2024
25 Aprile 2024
26 Aprile 2024
27 Aprile 2024
28 Aprile 2024
29 Aprile 2024
30 Aprile 2024
1 Maggio 2024
2 Maggio 2024
3 Maggio 2024
4 Maggio 2024
5 Maggio 2024