SICUREZZA PUBBLICA - SE IL COMUNE INTERVIENE DEVE RIVALERSI SUI PRIVATI INADEMPIENTI

TASSO DI ASSENTEISMO MEDIO DOCUMENTATO E CERTIFICATO DA PROFESSIONISTA. PUO' DISCOSTARSI DA QUELLO DELLE TABELLE MINISTERIALI

Nell’accogliere l’appello il Consiglio di Stato ribadisce che lo scostamento tra i costi del lavoro stabilità nelle offerte e quanto indicatori nelle tabelle ministeriali è ammissibile, purché giustificato dall’impresa in sede di giudizio di anomalia.
L’impresa appellante impugna la sentenza nella parte in cui è stata accolta la doglianza della seconda classificata con cui era stato lamentato come essa aveva indicatori minori costi per il personale sulla base di un calcolo del tasso medio di assenteismo (3.69% rispetto al monte ore lavorate teorico annuo) inferiore di circa la metà rispetto a quello previsto dalle tabelle ministeriali (6,5%).
L’appellante aveva evidenziato di riferita ai propri dati storici, effettivi e analitici di assenteismo medio del triennio precedente, relativi al proprio personale in servizio per lo svolgimento di un appalto analogico svolto dal 2014 per la stessa stazione appaltante.
Sul punto dipende il primo giudice, premesso che il tasso di assenteismo in larga parte dalle caratteristiche specifiche del personale impiegato (stato di salute; età anagrafica; appartenenza di genere), osservato trattarsi di un appalto caratterizzato da alta intensità dell’impiego di manodopera e richiamata la giurisprudenza che segnala in materia la necessità di prudenziali, ha ritenuto non corretto che l’aggiudicataria avesse fatto riferimento al proprio tasso di assenteismo aziendale, corrispondente a personale diverso da quello da impiegare nell’appalto, e ciò per effetto della cd “ clausola sociale” di cui alla legge di gara. Ha quindi ritenuto che il denunziato scostamento, “ vistoso e significativo ”, comportasse “maggiori costi stimabili nella somma di circa € 150.000,00, che non può trovare una compensazione nella somma di € 40.000,00 accantonata per far fronte a spese impreviste e nella somma di circa € 34.000 ,00 di stimata dalla controinteressata ”.
Consiglio di Stato, Sez. V, 10/11/2021, n. 7497 

Luglio 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
1 Luglio 2024
2 Luglio 2024
3 Luglio 2024
4 Luglio 2024
5 Luglio 2024
6 Luglio 2024
7 Luglio 2024
8 Luglio 2024
9 Luglio 2024
10 Luglio 2024
11 Luglio 2024
12 Luglio 2024
13 Luglio 2024
14 Luglio 2024
15 Luglio 2024
16 Luglio 2024
17 Luglio 2024
18 Luglio 2024
19 Luglio 2024
20 Luglio 2024
21 Luglio 2024
22 Luglio 2024
23 Luglio 2024
24 Luglio 2024
25 Luglio 2024
26 Luglio 2024
27 Luglio 2024
28 Luglio 2024
29 Luglio 2024
30 Luglio 2024
31 Luglio 2024
1 Agosto 2024
2 Agosto 2024
3 Agosto 2024
4 Agosto 2024