TARI - AGRITURISMI, VA PAGATA IN QUANTO SI PRODUCONO RIFIUTI URBANI PROPRI E NON AGRICOLI

TARI – AGRITURISMI, VA PAGATA IN QUANTO SI PRODUCONO RIFIUTI URBANI PROPRI E NON AGRICOLI

Nella Sentenza, la Suprema Corte rileva che il riconoscimento della qualità agrituristica dell’attività di “ricezione ed ospitalità” richiede la contemporanea sussistenza:

–   della qualifica di imprenditore agricolo da parte del soggetto che la esercita,

–   dell’esistenza di un “rapporto di connessione e complementarità” con l’attività propriamente agricola;

–   della permanenza della principalità di quest’ ultima rispetto all’altra.

La connessione e la complementarietà dell’attività agrituristica rispetto a quella agricola, tuttavia, non vale ad escludere la tassazione in oggetto per la prima di tali attività, ovviamente nei limiti delle relative superfici, né può giustificare l’applicazione della (inesistente – a dire della ricorrente) tariffa agricola (che concerne, in realtà, un rifiuto speciale), dovendo sul punto aggiungersi che l’art. 24 del regolamento comunale Tarsu esclude dal computo della tariffa “i fondi destinati all’esercizio dell’agricoltura”, ma non anche le strutture dedite all’attività agrituristica.

Corte di Cassazione, Sentenza n. 4938 del 23 febbraio 2024

Luglio 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
1 Luglio 2024
2 Luglio 2024
3 Luglio 2024
4 Luglio 2024
5 Luglio 2024
6 Luglio 2024
7 Luglio 2024
8 Luglio 2024
9 Luglio 2024
10 Luglio 2024
11 Luglio 2024
12 Luglio 2024
13 Luglio 2024
14 Luglio 2024
15 Luglio 2024
16 Luglio 2024
17 Luglio 2024
18 Luglio 2024
19 Luglio 2024
20 Luglio 2024
21 Luglio 2024
22 Luglio 2024
23 Luglio 2024
24 Luglio 2024
25 Luglio 2024
26 Luglio 2024
27 Luglio 2024
28 Luglio 2024
29 Luglio 2024
30 Luglio 2024
31 Luglio 2024
1 Agosto 2024
2 Agosto 2024
3 Agosto 2024
4 Agosto 2024