LAVORO - PART-TIME, SCATTA IL RISARCIMENTO SE NON SONO INDICATI GLI ORARI

LAVORO – PART-TIME, SCATTA IL RISARCIMENTO SE NON SONO INDICATI GLI ORARI

Un’ordinanza della Cassazione ribadisce che è dovuto il risarcimento danni se non s’indicano gli orari del contratto part-time.

L’orario di un contratto di lavoro part-time può essere:

  • Verticale: quando il lavoratore svolge 8 ore lavorative al giorno, ma solo in alcuni giorni della settimana, del mese o dell’anno;
  • Orizzontale: quando il lavoratore svolge l’attività lavorativa per tutta la settimana, ma per un orario ridotto (solitamente 4 o 5 ore giornaliere);
  • Mista: quando c’è la combinazione delle due modalità precedenti.

La modulazione dell’orario può essere modificata solo ed esclusivamente tramite apposite clausole nel contratto. Il tema della distribuzione delle ore di lavoro ha creato non poche controversie in passato, ma l’ordinanza della Cassazione mette un po’ d’ordine sul tema.

ACCEDI ALL’ORDINANZA DELLA CASSAZIONE

Luglio 2024

lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica
1 Luglio 2024
2 Luglio 2024
3 Luglio 2024
4 Luglio 2024
5 Luglio 2024
6 Luglio 2024
7 Luglio 2024
8 Luglio 2024
9 Luglio 2024
10 Luglio 2024
11 Luglio 2024
12 Luglio 2024
13 Luglio 2024
14 Luglio 2024
15 Luglio 2024
16 Luglio 2024
17 Luglio 2024
18 Luglio 2024
19 Luglio 2024
20 Luglio 2024
21 Luglio 2024
22 Luglio 2024
23 Luglio 2024
24 Luglio 2024
25 Luglio 2024
26 Luglio 2024
27 Luglio 2024
28 Luglio 2024
29 Luglio 2024
30 Luglio 2024
31 Luglio 2024
1 Agosto 2024
2 Agosto 2024
3 Agosto 2024
4 Agosto 2024