RIFERIMENTO NORMATIVO

Lo strumento del Partenariato Pubblico Privato ha subito di recente alcune importanti modifiche confluite nella parte IV del Codice dei contratti (D.Lgs. n.50/2016) dall’art.179 all’art.191.
Ha trovato, poi, ulteriori specificazioni attraverso le indicazioni della Linea Guida Anac n.9.

ADEMPIMENTI

Il modello per strutturare il Partenariato Pubblico Privato (PPP) è fondato sul (co)finanziamento del settore privato, ciò che peraltro contribuisce a selezionare in modo virtuoso gli investimenti da realizzare.
Gli adempimenti principali riguardano, nel caso in cui la realizzazione di lavori pubblici o di pubblica utilità su iniziativa delle Amministrazioni aggiudicatrici per lavori sia inclusa nella programmazione, la previsione di un progetto di fattibilità da porre a base di gara, mediante pubblicazione di un bando finalizzato alla presentazione di offerte che contemplino l’utilizzo di risorse totalmente o parzialmente a carico dei soggetti proponenti.
Il disciplinare di gara indicherà l’ubicazione, la descrizione dell’intervento da realizzare, la destinazione urbanistica, la consistenza, le tipologie del servizio da gestire.
Le offerte dovranno contenere un progetto definitivo, una bozza di convenzione, un piano economico-finanziario asseverato, una specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione.
L’Amministrazione avrà la possibilità di richiedere al promotore prescelto di apportare al progetto definitivo modifiche ed in caso di mancata accettazione da parte del promotore di apportare modifiche al progetto definitivo, di chiedere progressivamente ai concorrenti successivi in graduatoria l’accettazione delle modifiche al progetto presentato dal promotore alle stesse condizioni proposte al promotore e non accettate dallo stesso.

OPPORTUNITA’

I contratti di PPP come forma di cooperazione tra il settore pubblico e quello privato, sono finalizzati ad una più efficace realizzazione di opere e gestione di servizi tramite la suddivisione dei rischi legati all’operazione.
La carenza di risorse pubbliche per la realizzazione di infrastrutture e attrezzature e per la loro gestione, in particolare nei piccoli e grandi Comuni ma anche a livello statale, sta seriamente mettendo in crisi il welfare e la qualità e l’offerta dei servizi ai cittadini.
Tutto ciò spiega la ragione del ricorso a questo strumento.
Le Amministrazioni sono chiamate a coniugare lo sviluppo tramite investimenti con il contenimento della spesa pubblica.
D’altro canto, poi, occorre definire un contratto munito di specifiche previsioni in tema di cd. “Service level agreement”, cioè la definizione del livello di qualità del servizio che l’operatore è tenuto a garantire e di apposite clausole che consentano all’Amministrazione di esercitare efficacemente la propria attività di monitoraggio.
I principali versanti di intervento possono essere reti di illuminazione pubblica, strade, cimiteri, parcheggi, ecc.

IL SERVIZIO OFFERTO

Per supportare gli Enti in questa articolata cornice normativa e gestionale offriamo molti servizi quali:

FASE PROGETTUALE
• supporto alla pre-valutazione di progetti da inserire come PPP in fase di Programmazione Triennale della P.A.;
• predisposizione di Progetti di Fattibilità per avviare le operazioni;
• validazione delle proposte progettuali proposti da soggetti privati.

FASE PROCEDURALE
• assistenza in fase di costruzione delle procedure di gare e assistenza giuridico-amministrativa durante le fasi di gara (supporto al Rup);
• supporto e assistenza per la definizione del contratto.

ULTERIORI SERVIZI

FORMAZIONE
Corsi di Formazione in modalità frontale, Webinar, E-learning.

CONTATTI

Fondazione Logos P.A.
Via Conca d’Oro 146 – 00141 Roma
 info@logospa.it
 +39.06.32110514
 +39 335.7151125